CINEMA TEATRO BORSI
STAG.2018-19
 
Venerdì 4 Gennaio 21.15
Stefano Simmaco in
STRAORDINARIETA'
One Man Show
 
 
per prenotare invia una mail a prenotazioni@teatroborsi.it oppure telefona a 0574 18 26 529
 
Straordinarietà

Straordinarietà è un One Man Show a 360° dove Stefano Simmaco suonerà, canterà e ballerà brani che hanno reso famosa la musica italiana nel mondo.

Un repertorio che cattura pubblico di varie età in una interpretazione poetica e divertente degli storici brani di Lucio Dalla, Massimo Ranieri, Renato Zero e tanti altri.

Allinterno dello show ci saranno monologhi di cabaret e numeri di danza che oscillano dal tip tap ad un indimenticabile Michael Jackson.

 
 
Stefano Simmaco

Classe 1986 e originario di Prato, ballerino di hip hop, tip tap e break dance, Stefano Simmaco è approdato nel nuovo talent di Rai 1 “Forte forte forte” guidato da quattro giudici d'eccezione: Raffaella Carrà, Asia Argento, Philipp Plein e Joaquin Cortés.

L'obiettivo dello show è quello di trovare un artista completo che sappia dimenarsi in ballo, canto, recitazione e conduzione… Insomma uno/a showman/woman a tutto tondo! Simmaco non è del tutto estraneo al mondo dello spettacolo visto che nel 1998 esce vincitore da “Bravo bravissimo”, il noto programma di Mike Bongiorno. Ma la sua carriera è stata tutta in salita: ha partecipato come ballerino nello show di Panariello “Torno subito” e in “Siamo tutti invitati”, nel 2006 è stato protagonista del musical “Gianburrasca”, per tre anni consecutivi (dal 2008) poi ha presentato “Trebisonda” su Rai 3, durante il quale ha insegnato danza ai ragazzi del Kenya. 

Ha collaborato con famosissimi artisti come Massimo Ranieri, Ennio Morricone e Panariello che hanno sicuramente influenzato la sua formazione. Nel 2013 Simmaco ha partecipato come protagonista insieme a Maria Michela Mattei allo show “Metti una sera con te”. Tante le soddisfazioni che ha già conquistato il prodigio pratese nonostante la sua giovane età. Per quanto riguarda la formazione artistica, Stefano ha studiato presso la scuola “Arte in scena” del Teatro Politeama a Prato di cui oggi è diventato docente.