PROGETTO DI GESTIONE DEL CINEMA TEATRO BORSI di Prato
Prato, Novembre 2016
La storia del Cinema Teatro Borsi
Incerta la data di costruzione, intorno agli anni 30. Venne costruito dal Seminario Vescovile di Prato probabilmente per gli allievi del Seminario prima e poi per tutti i pratesi. Nasce come Cinema. Il nome gli deriva da Giosuè Borsi, scrittore livornese ed eroe della Prima Guerra Mondiale, nel 1914 nominato Terziario Francescano a Firenze e morto in un assalto a Zagora il 10 Novembre 1915. Dice Don Vittorio Aaiazzi:” Giosuè Borsi era, nel 1942, un punto di riferimento per noi giovani. La gestione è affidata a tale Gini da Galciana. Di cui esisteva un busto all'interno del Cinema purtroppo andato perduto.

Nel 1975 la gestione del Borsi viene affidata a Don Vittorio Aiazzi con la preziosa collaborazione del suo custode storico: Littorio Meucci. Nel 1989 con un investimento di 400 milioni di lire il Cinema viene completamente ristrutturato con l'aggiunta del palcoscenico. L'attuale arredo risale quindi al 1989. Intere generazioni hanno frequentato il Cinema e molti di loro legano alla sala le loro prima esperienze cinematografiche. L'apertura della Multisale ne decreta la crisi e le nuove leggi sulle norme di sicurezza ne decretano la chiusura nel 2013.

Il nostro Progetto intende restituire alla città una delle sale più conosciute a amate dai pratesi.
Il Borsi e la città.
Il Cinema Teatro Borsi si trova in Via San Fabiano, nei pressi di Piazza Sant'Agostino e a due passi da Piazza del Duomo. Per la sua posizione e per la sua storia il Borsi è un valore della città e va quindi difeso e valorizzato. Tra l'altro servirà a riqualificare una delle zone più belle della città, spesso inquinata da attività illegali nei vicini giardini del Bastione delle Civette. La riapertura del Borsi potrà anche dare un contributo in questo senso.

La notizia della riapertura del Borsi è stata accolta con grande entusiasmo in città. Molte sono le persone che ci hanno scritto complimentandosi con noi. Il Borsi è stato per molte generazioni luogo del primo incontro col Cinema.
Il Teatro Borsi e l'agibilità
La sala nel 2013 ha chiuso i battenti, oltre che per la concorrenza delle multisale, anche perché non in possesso dei requisiti richiesti dalle nuove norme sulla sicurezza dei locali di pubblico spettacolo necessari per ottenerne l'Agibilità. La sala è comunque in ottimo stato e usufruendo della Legge sui 99 posti è possibile svolgere attività impedendone il degrado definitivo. Un Cinema Teatro Borsi in attività può rendere possibile il reperimento dei fondi per l'adeguamento dei suoi impianti.

Questo il senso della nostra proposta alla proprietà: perché tenerlo chiuso, quando è possibile rivitalizzarlo? E se, come crediamo, l'iniziativa avrà successo sarà più facile reperire i fondi necessari per la sua completa rivalutazione.

Quindi il Teatro riaprirà con la capienza massima di 99 posti e l'ingresso riservato ai soci. Come avviene normalmente in molti “piccoli” teatri. Per questo verrà, momentaneamente, chiusa la galleria e in platea i posti saranno ridotti a 99 poltrone. Il palcoscenico verrà allungato di 5 mt. La misura attuale non è sufficiente.
Obiettivi e contenuti
Gli obiettivi principali del progetto sono, da una parte, restituire alla città una delle sue sale storiche, dall'altra realizzare una casa dello spettacolo e in una fase critica della storia di Prato offrire non solo Cultura, ma anche posti di lavoro e un indotto per la città.
Il Borsi intende ritagliarsi, con la sua programmazione e l'offerta di eventi, un piccolo spazio tra i grandi Metastasio e Politeama offrendo occasioni a Giovani talenti che non hanno molte occasioni di proporre i loro spettacoli.

Spettacoli e non solo

L'idea è di un luogo aperto tutti i giorni della settimana dalla mattina per le Scuole di Prato, al pomeriggio per la Formazione (adulti, ragazzi e bambini) e la sera per spettacoli di Prosa, di Musica, di Cinema e anche di Danza. Oltre all'ospitalità di Associazioni Culturali che abbiano bisogno di un posto dove provare i propri spettacoli. Sarà anche un luogo di Incontri con personalità dello Spettacolo e della Cultura, ospiteremo eventi come la presentazione di Libri e abbiamo in mentre anche delle Mostre di Fotografia e Pittura nella hall del Teatro.
Insieme alle Compagnie di Professionisti che ospiteremo nella stagione, un ruolo e uno spazio importante avranno le Associazioni Culturali Amatoriali. Con una rassegna annuale a loro dedicata ad ogni fine di stagione.
 
Pratoteatro: la Compagnia del Borsi.
La nostra Associazione non avrà solo il piacere e l'onere di gestire il Borsi, ma sarà anche con i suoi spettacoli La Compagnia Stabile del Teatro Borsi. Puntando sulla qualità degli allestimenti e professionalità degli interpreti.

La Compagnia Pratoteatro ha debuttato nella Prato Estate 2016 con lo spettacolo La scuola delle mogli di Molière. Spettacolo che verrà ripreso nella stagione del Teatro Borsi.

Il Borsi avrà anche una Compagnia Amatoriale. Già al lavoro e che debutterà con Il Berretto a sonagli di L.Pirandello al Borsi nel 2017.
Il premio Sarah Ferrati
Prato ha dato i natali ad una delle più grandi attrici del 900: Sarah Ferrati. Nata a poche centinaia di metri dal Borsi, al n.32 di Via del Serraglio. Quasi dimenticata dai pratesi e sconosciuta ai più giovani.
Alla fine di ogni stagione in una cerimonia di chiusura verranno consegnati i Premio Sarah Ferrati a quegli artisti che il pubblico del Borsi avrà deciso, con apposite schede di votazione, essere i più meritevoli.